Droga per 28mila euro e un'arma da guerra: in carcere 39enne
mercoledì 9 gennaio 2019

Operazione dei carabinieri a Castellana Grotte: l'uomo dovrà rispondere di detenzione illegale di arma da guerra clandestina e spaccio di stupefacenti. In casa anche 10mila euro in contanti.

Lotta allo spaccio di stupefacenti a Castellana Grotte: a finire i manette un 39enne, sorpreso in possesso di cocaina e di un'arma da guerra clandestina. L'arresto è avvenuto nell’ambito di un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato al contrasto dello spaccio di droga, eseguito anche con l’ausilio di unità cinofile.

I carabinieri hanno perquisito l’abitazione dell'uomo, già noto alle forze dell’ordine e sospettato di far parte del giro dello spaccio di stupefacenti in città, e hanno sequestrato una modica quantità di cocaina. Ad insospettirli che quel quantitativo fosse solo una piccola parte di un carico più consistente è stato il ritrovamento in casa di oltre 10mila euro in contanti, una somma di denaro che l’uomo, disoccupato, non sapeva spiegare.

Le ricerche sono state quindi estese in un uliveto vicino alla casa dell’uomo dove sono stati scoperti altri 350 grammi di cocaina custoditi in barattoli di vetro interrati; ritrovata anche una mitraglietta da guerra calibro 7,65  completa di 3 caricatori con 26 proiettili dello stesso calibro.

Per il 39enne si sono aperte le porte della Casa Circondariale di Bari, in cui resterà a disposizione della Procura. Lo stupefacente sequestrato, stimato in circa 28mila euro, è stato sottratto al mercato dello spaccio locale e dei paesi limitrofi. La mitraglietta, perfettamente funzionante, verrà consegnata al RACIS di Roma per gli accertamenti balistici.